Articoli con tag Piave

Escursioni sulle colline del Quartier del Piave e dintorni

Proponiamo tre escursioni sulle colline del Quartier del Piave e dintorni a scopo ricreativo con spunti per osservazioni naturalistiche e storiche. La partecipazione è gratuita ed aperta a tutti!

Domenica   27 maggio  2012

San Pietro di Feletto

Ritrovo: ore 14.00, a San Pietro Vecchio, piazzale della Pieve
Percorso ( 3 ore più le soste) : S. Pietro Vecchio, Borgo Castagnè, Borgo Anese,molino Crevada, Val Trippera, monumento ai partigiani  Brigata Piave, val Crevada, S.Pietro.

image

spunti: Erosione selettiva e fenomeni di carsismo nella Val Trippera. Antica Pieve del secolo XII. Ruderi del molino Crevada. Architettura tradizionale con materiali locali nelle località rurali tipiche : Borgo Anése e Borgo Castagnè.

 

Domenica 20 maggio 2012

Nervesa

Ritrovo: ore 14.00, a Falzè di P., Monumento Arditi, per organizzazione auto mobili (car pooling)
ore 14.30 Santa Croce del Montello, dopo Nervesa 5 km sulla strada Panoramica.
Percorso ( 3 ore più le soste) : S. Croce, Presa IV, traversa, Presa VII, T. Longo, riva del Piave, Bus Tavaràn Grando, S. Croce.

image

spunti: Fenomeni di carsismo: doline, inghiottitoi, grotte e sorgenti. Itinerari del Montello: bisnent e croderi. Prima Guerra Mondiale: resti di opere militari lungo il Piave e monumenti celebrativi. Museo storico “Don Cesare Giaggio”.

 

Domenica 6 maggio 2012

Pieve di Soligo – Susegana

Ritrovo: ore 14.00, a Barbisano, dopo la chiesa, via Cimitero, area verde
Percorso ( 3 ore più le soste) : Area verde, valle del Lierza, case Sotto Costa, castello di Collalto, Tournichè, Col di Guarda, Casa Montone, Bus dee Fave, Barbisano.

image

spunti: Erosione e formazione di terrazzi lungo la valle del Torrente Lierza. Fenomeni di carsismo nelle colline di Collalto: doline e grotte. Castello di Collalto: Ensedisio I, inizio del sec.XII. Bunker della Prima Guerra Mondiale.

 

Si consigliano: abbigliamento adatto alla campagna, calzature pesanti, berretto ed impermeabile di scorta. Si raccomanda il rispetto delle proprietà private. Durante le uscite si raccoglieranno eventuali piccoli rifiuti.   Si declina ogni responsabilità per gli inconvenienti che possono verificarsi nelle escursioni.

Car pooling , please!

I colori del Piave

Segnaliamo la proiezione del film documentario I colori del Piave, film documentario alla scoperta del fiume sacro.

Mercoledì 29 Febbraio alle 20:30

La proiezione verrà presentata dall’autore Nic Pinton, giornalista veneziano.

Obiettivo del documentario è scoprire il Piave nei suoi tanti aspetti sconosciuti perdare un contributo alla sua valorizzazione e difesa. È una riflessione anche sul nuovo possibile utilizzo del Piave, non più solo come risorsa da sfruttare,ma come bene da riprogettare in relazione alle nuove esigenze delle comunità che attraversa

Film documentario alla scoperta del fiume sacro

 

Si tratta di un documentario girato quasi esclusivamente dall’acqua, per dare del Piave uno sguardo interno, quasi a guardare il mondo attraverso gli “occhi” del fiume, apertida secoli sul paesaggio veneto, dal Peralba al mare Adriatico.

Navigando il Piave dalla sorgente alla foce, nei tratti dove è ancora possibile,emergono prima di tutto i luoghi del fiume e le loro trasformazioni, le problematiche irrisolte, ma anche la storia, il vissuto fiume, il suo rapporto con i mestieri dell’uomo diieri e di oggi. [fonte: www.antennacinema.it]


 

 

Legambiente Sernaglia scrive a Luca Zaia e a Muraro

Sernaglia della Battaglia – Mercoledì 14 Dicembre 2011

Il Circolo Legambiente di Sernaglia ha invitato i Presidenti della provincia di Treviso e della Regione Veneto a visitare i luoghi coinvolti dalla costruzione della “riesumata” diga di Falzè di Piave. Oltre agli abitati ed alle coltivazioni di Fontigo,le peculiarità storiche, paesaggistiche e naturalistiche delle Fontane Bianche di Sernaglia e delle Volpere di Falzè verrebbero irrimediabilmente compromesse: prima dalle operazioni di costruzione, poi dalla presenza di un manufatto dall’impatto devastante.

 

Con un ambito di circa 100 ettari di golena sulla sponda sinistra del fiume Piave, la rete di corsi d’acqua di risorgivadelle Fontane Bianche costituisce un esempio unico di ambiente umido del tutto integro. L’acqua della falda emerge purissima creando un suo microclima con fauna e flora specifiche. L’area ricca di visitatori per la sua incommensurabile bellezza, risulta di notevolissimo interesse scientifico: ne è ben consapevole la Provincia che sta elaborando il Piano ditutela della Piave e che si è costantemente impegnata a valorizzare questo Sito di Interesse Comunitario.

Altro luogo di notevole rilievo è quello adiacente delle “Volpere” che alla valenza naturalistica aggiunge quella storica: sono presenti testimonianze di insediamenti del neolitico e il visitatore gode di un punto di osservazione straordinario sui luoghi della Grande Guerra.

 

Il circolo Legambiente di Sernaglia, grazie alla stretta collaborazione con i vari enti locali, è riuscito a far conoscere le Fontane Bianche e le Volpere ad un pubblico sempre più vasto ed entusiasta della ricchezza del nostro territorio. I suoi pregi sono stati evidenziati negli ultimi anni da numerosi ospiti di tutto il mondo che hanno aderito ai Campi Internazionali e al Servizio di Volontariato Europeo. Fra le numerose migliaia di visitatori di ogni anno ricordiamo la presenza tradizionale di studenti dei vari ordini di scuole e soprattutto l’accesso di persone diversamente abili grazie al progressivo miglioramento del percorso e degli arredi.

 

L’ evoluzione culturale ha assegnato valore prioritario alla salvaguardia della natura e delle nostre radici storico culturali, non può quindi accettare progetti distruttivi che sacrificano l’amore di una comunità per il suo territorio avantaggio degli interessi di pochi. Svariate esperienze europee ci insegnano che non le dighe, ma tanti bacini diespansione , disseminati lungo tutto il fiume e tutti i suoi affluenti, permettono di aumentare i tempi di deflusso delleacque e di controllare le piene eccezionali.

 

I soci ed i simpatizzanti del Circolo Legambiente di Sernaglia confidano nella sensibilità di Luca Zaia e Leonardo Muraro quali persone che stanno lavorando tenacemente per la difesa dell’identità veneta, con la consapevolezza che distruggere un territorio significa tagliare le radici vitali della cultura.

 

Chiedono quindi di poterli accompagnare in una visita approfondita delle Fontane Bianche e delle Volpere in un giorno da loro scelto secondo la loro disponibilità.

 

Per saperne di più: No Diga a Falzè di Piave!

 




Diga a Falzè di Piave. Importante!!!!

C’è un progetto del Prof. D’Alpaos appoggiato dalla Regione Veneto per la realizzazione di un invaso da Falzè di Piave fino a Fontigo tramite costruzione di una diga a Falzè di Piave.  Questo progetto, se realizzato, provocherà danni incalcolabili alle popolazioni ed agli abitati di Falzè di Piave, Sernaglia e Fontigo.

NO Diga a Falzé di Piave!

NO Diga a Falzé di Piave!

 

Non solo, le Fontane Bianche e le Volpere,

patrimonio regionale e aree protette dalla Unione Europea,

spariranno per sempre!!!


Noi diciamo un NO intrattabile a questo progetto e ti chiediamo i sostenere la nostra battaglia.

Esistono soluzioni alternative, come quella individuata nello studio ministeriale sulla sicurezza idraulica realizzato nel 2009 che prevede casse di espansione.

Resta in contatto con noi, ti terremo informato e potrai sostenere le iniziative di protesta  che verranno messe in atto già dai prossimi giorni.

 

 

Torna all'inizio